Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Olii
Clicca sull'immagine per ingrandirla

L'ULTIMA SPOSA

 

Olio su tela C.P.

     

PAESAGGIO A CAPRILIA

Olio su cartone 40x50 1950 C.P. 

 

PAESAGGIO DELL'ALTA VERSILIA

Olio su cartone 37x47 1947 C.P. 

 

MARINO E LA SPOSA IDEALE

Olio su tela 50x60 C.P.

 

MONUMENTO ALL'ARTISTA

Olio su tela anni '70 C.P.

 

OMAGGIO A CHAGALL

Olio su tela C.P. 

 

PAESAGGIO APUANO

Olio su cartone 35x50 anno 1953 D.P. 

 

PAESAGGIO

Olio su tela 40x50 1947 C.P. 

 


Pagina 7 di 17

Critiche

…Dipingo fino a quando non mi sento a posto, ”pulito”, introduce Pieraccini . Arte come profilassi quindi, un’attività mistica e liberatoria, recuperata, in fondo,al bisogno elementare e privato di verificare la natura e il valore di un’immagine alla radice delle sue modulazioni primitive. Nell’area pittorica estenuata dalla eredità tormentata e dolente di Lorenzo Viani, Eugenio Pieraccini irrompe con la sua ”Joie de vivre” oltraggiosa e sensuale. Compiacente idilliaco-estroso -stravagante, inevitabilmente compromesso nel gusto strafottente e cordiale della battuta è tuttavia riscattato dalla qualità bizzarra e diversificante di una naturale vena popolaresca tra Rebelais e Swift….

MATTEO DISCEPOLO pittore