Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Olii
Clicca sull'immagine per ingrandirla

I PRETI ESORCISTI

Olio su tela C.P. 

 

LA GIOSTRA GIALLA

 
Olio su tela C.P. 
 

L'APPUNTAMENTO

Olio su tela 50x60 1956 C.P. 

 

L'ARRIVO DEL MONSIGNORE

 

Olio su tela C.P.

 

LIBERA USCITA

Olio su tela Primi anni '50 C.P. 

 

I TRE DIAVOLI

 Olio su tela C.P.

 

LA PESCA MIRACOLOSA

 Olio su tela C.P.

 

LA PRIMA NOTTE DI NOZZE

Olio su tela C.P.

 

L'ESORCISMO

Olio su tela C.P. 

 

L'ILLUSIONISTA

 Olio su tela C.P.

 


Pagina 6 di 17

Critiche

...Mario Tobino ha salito lunedì pomeriggio le antiche scale di Palazzo Mediceo per “incontrare” ancora l’amico Eugenio Pieraccini, così come ha voluto annotare con con larga e fiorita calligrafia sul giornale delle presenze della bella esposizione organizzata dal comune di Seravezza. Eugenio Pieraccini era nato a Viareggio nel 1922.  Le sue prime precoci esperienze pittoriche intorno al 1936 risultano inevitabilmente suggestionate dall’opera di Lorenzo Viani: I paesaggi, le darsene con le vele tombate sulle acque immobili, le nature morte già evidenziavano una capacità lirica e narrativa che avrebbe trovato i suoi migliori registri attraverso l’esperienza e l’incontro con Carrà, Giovanni March, Arturo Dazzi, Moses Levy. Fu quest’ultimo in particolare a convincerlo che il terreno più favorevole per la sua pittura doveva essere la satira, la poesia fresca e spontanea che sgorgava fra le mani e dal cuore di quel gigante pronto al sorriso, innamorato della vita…

COSTANTINO PAOLICCHI critico