Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Olii
Clicca sull'immagine per ingrandirla

I PRETI ESORCISTI

Olio su tela C.P. 

 

LA GIOSTRA GIALLA

 
Olio su tela C.P. 
 

L'APPUNTAMENTO

Olio su tela 50x60 1956 C.P. 

 

L'ARRIVO DEL MONSIGNORE

 

Olio su tela C.P.

 

LIBERA USCITA

Olio su tela Primi anni '50 C.P. 

 

I TRE DIAVOLI

 Olio su tela C.P.

 

LA PESCA MIRACOLOSA

 Olio su tela C.P.

 

LA PRIMA NOTTE DI NOZZE

Olio su tela C.P.

 

L'ESORCISMO

Olio su tela C.P. 

 

L'ILLUSIONISTA

 Olio su tela C.P.

 


Pagina 6 di 17

Critiche

…Eugenio Pieraccini è un naif alla Rousseau, ma c’è un gusto toscano nelle sue ingenue composizioni e nella raffinatezza dell’esecuzione che le trasporta in una atmosfera di fiaba, dove può apparire lo spirito di Lorenzo Viani,ma sentito in chiave personale. Se Pieraccini è un naif, non è tuttavia un ingenuo perché quello che ottiene lo ottiene perché lo vuole anche con il ragionamento e con un mestiere raffinato, sia pure senza astuzie. Le prospettive spesso esatte, la levigatezza della pittura,, la pulizia in un’atmosfera trasparente e l’umorismo dei personaggi caricaturati; di certe situazioni e di taluni particolari sono l’espressione di un carattere: quello suo e della sua terra: Un carattere bonario ma attento alle contraddizioni e pronto a rilevarle con acutezza ma senza acredine, anzi tingendoli di rosa e di azzurro con un tocco di poesia…

DINO VILLANI critico