Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Olii
Clicca sull'immagine per ingrandirla

FRATICELLI CHE GIOCANO A MOSCA CIECA

acrilico su cartone 30x40 1961

 

 

 

IL BAGNINO

olio su tela 40x70 1973

 

 

 

OMAGGIO A LUCIO FONTANA

particolare uno 1971

 

 

 

L’AQUILONARO

olio su tela 40x60 1974

 

 

 

IL NONNO BACCHIONE

olio su tela 100x50 1970

 

 

 

IL FIORAIO

olio su tela 50x60 1974

 

 

 

IL VIOLONCELLISTA

olio su tela 40x70 1970

 

 

 

OMAGGIO A LUCIO FONTANA

particolare due 1971

 

 

 

IL NONNO MENGARA

olio su tela 100x50 1970

 

 

 

AUTORITRATTO VESTITO DA LEONE

olio su tela 80x60 1975

 

 

 


Pagina 2 di 17

Critiche

… Dove il tema dominante, restando sempre quello dei pretini e delle monachine, figurano altri soggetti:battaglie, sposalizi, venditori ambulanti. Mi sembra che coloro i quali si sono occupati di questo artista si siano fatti prendere più dai soggetti che penetrare nel suo mondo poetico, validissimo ed attuale in mezzo alla confusione e alle alternative nauseanti di astrattismo o figurativo che oggi aduggiano le rassegne nazionali. Pieraccini continua imperterrito cercando di determinare con maggiore rigore e precisione la sua visione della vita e degli uomini. La sua pittura si è fatta meticolosa , più aderente ai temi trattati; i colori più squillanti, bianchi luminosissimi , verdi accesi,neri brillanti creano l’atmosfera del racconto fiabesco in cui appare un’umanità senza urti, senza drammi, dove gli uomini più austeri e impegnati moralmente giocano come bimbi…

ALDO ORDAVO pittore