Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Crediti fotografici
Clicca sull'immagine per ingrandirla

con il pittore Giovanni March

 

 

 

con Mike Buongiorno

 

 

 

col critico d’arte Roberto Longhi

 

 

 

con lo scultore Sem Ghelardini

 

 

 

con la Signora Giulia Viani

 

 

 

con Aldo Carpi direttore dell’Accademia di Brera

 

 

 

con il pittore Achille Funi

 

 

 

con lo scrittore Raffaello Bertoli

 

 

 

con il giornalista Aldo Valleroni

 

 

 

con il pittore Moses Levy

 

 

 


Pagina 2 di 3

Critiche

…Pieraccini è stato il creatore di una pittura carica di inventiva, piena di emozioni, caratterizzata da un sincero sapore narrativo, da un gusto tutto nostrano del racconto; un racconto nel quale si avvertivano, e si avvertono, l’arguzia e l’ironia del suo carattere di uomo assieme con la compostezza dell’artista ispirato e sensibile. Dipingeva per esprimere una realtà semplice, permeata spesso da lucide invenzioni, che convinceva e convince critica e pubblico per la gustosità dei contenuti. Possiamo affermare che l’uomo e l’artista si fondono in uno spazio lirico stimolante che fa meditare per la chiarezza e la comunicatività dei concetti espressi…Osserviamo oggi di nuovo questi suoi quadri che, a distanza di anni dalla sua scomparsa, ci dicono ancora, come ieri (e ci diranno in futuro) dei suoi sentimenti. Altalenanti fra sarcasmo e malinconia, ci ripropongono un Pieraccini più attuale che mai: un uomo ed un artista capace di donarci un momento di evasione, soprattutto gli incantamenti delle sue liriche evasioni...

LUCIANO MARCUCCI critico