Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Crediti fotografici
Clicca sull'immagine per ingrandirla

con il pittore Giovanni March

 

 

 

con Mike Buongiorno

 

 

 

col critico d’arte Roberto Longhi

 

 

 

con lo scultore Sem Ghelardini

 

 

 

con la Signora Giulia Viani

 

 

 

con Aldo Carpi direttore dell’Accademia di Brera

 

 

 

con il pittore Achille Funi

 

 

 

con lo scrittore Raffaello Bertoli

 

 

 

con il giornalista Aldo Valleroni

 

 

 

con il pittore Moses Levy

 

 

 


Pagina 2 di 3

Critiche

…Dipingo fino a quando non mi sento a posto, ”pulito”, introduce Pieraccini . Arte come profilassi quindi, un’attività mistica e liberatoria, recuperata, in fondo,al bisogno elementare e privato di verificare la natura e il valore di un’immagine alla radice delle sue modulazioni primitive. Nell’area pittorica estenuata dalla eredità tormentata e dolente di Lorenzo Viani, Eugenio Pieraccini irrompe con la sua ”Joie de vivre” oltraggiosa e sensuale. Compiacente idilliaco-estroso -stravagante, inevitabilmente compromesso nel gusto strafottente e cordiale della battuta è tuttavia riscattato dalla qualità bizzarra e diversificante di una naturale vena popolaresca tra Rebelais e Swift….

MATTEO DISCEPOLO pittore