Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Crediti fotografici
Clicca sull'immagine per ingrandirla

con il pittore Giovanni March

 

 

 

con Mike Buongiorno

 

 

 

col critico d’arte Roberto Longhi

 

 

 

con lo scultore Sem Ghelardini

 

 

 

con la Signora Giulia Viani

 

 

 

con Aldo Carpi direttore dell’Accademia di Brera

 

 

 

con il pittore Achille Funi

 

 

 

con lo scrittore Raffaello Bertoli

 

 

 

con il giornalista Aldo Valleroni

 

 

 

con il pittore Moses Levy

 

 

 


Pagina 2 di 3

Critiche

…Pieraccini è un autodidatta, non ha frequentato nè scuole nè accademie. In lui la conoscenza e l’armonia del colore sono innate; innato il senso del gusto e della costruzione che rispondono soggettivamente ad un “humour” scintillante. Osservando i suoi lavori ci si accorge che Pieraccini è anche un disegnatore sincero, privo di fronzoli, che tira dritto al risultato, onestamente, con chiarezza. Eugenio Pieraccini esprime, nella tematica preferita dei pretini, delle monachelle, dei fraticelli, il suo animo di uomo aperto a tutte le confidenze, di amico sincero dell’umanità; lui, sempre sorridente anche nelle avversità, eterno bimbo nel cuore, si mostra artista squisito e di grandi possibilità.  Per questo avvallo i giudizi espressi da tanti critici, alcuni dei quali lo hanno annoverato tra i validi esponenti della nostra generazione artistica…

ANCHISE MARCHI gallerista