Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Crediti fotografici
Clicca sull'immagine per ingrandirla

con il pittore Giovanni March

 

 

 

con Mike Buongiorno

 

 

 

col critico d’arte Roberto Longhi

 

 

 

con lo scultore Sem Ghelardini

 

 

 

con la Signora Giulia Viani

 

 

 

con Aldo Carpi direttore dell’Accademia di Brera

 

 

 

con il pittore Achille Funi

 

 

 

con lo scrittore Raffaello Bertoli

 

 

 

con il giornalista Aldo Valleroni

 

 

 

con il pittore Moses Levy

 

 

 


Pagina 2 di 3

Critiche

...Lo conobbi alla inaugurazione di una sua personale piena di presenze artistiche e culturali interessate a quella pittura “tra fantasia e realtà” che egli era arrivato proprio con quella esposizione a raccontare pienamente col colore e coi personaggi immessi nei quadri, i quali giungevano a proposito, in un periodo di attenta lettura della pittura naif, anche se tale collocazione sacrificava un poco lo spirito artistico del medesimo, che , se si è espresso in una maniera pittorica dai più definita proprio naif, non l’ha fatto arrivandovi con un comportamento legato all’emotività spontaneistica, ma giungendovi attraverso un’analisi la quale lo ha portato ad esprimere quel modo di esistere, proprio con “quel” tipo di fare pittura…Giacché giustamente il contenuto è la cosa più importante nell’opera d’arte: sarà pure il tempo a dare un giudizio. Il tempo. Già, il tempo. Ora Eugenio Pieraccini non c’è più ma le sue opere rimangono e mettersi davanti ad una di esse di tanto in tanto, non può far altro che bene, perché in questa nostra società spersonalizzata e spersonalizzante ecco che nel rettangolo magico può apparire un qualche cosa che aiuti alla riflessione. Con meno egoismo potremo creare un futuro migliore: questo è in fondo il senso del “messaggio” di cui dicevo poco fa, e forse anche per tale motivo la validità delle opere di Pieraccini persiste nel tempo e col tempo.

LODOVICO GIERUT critico