Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

...Il Pieraccini uomo ci appare multiforme e fantasioso di una genialità bizzarra ed erompente, che si rivela soprattutto nella scelta contenutistica delle opere, affollate di preti colorati di rosso o di nero, di “omini” localizzati in un ambiente di fine ottocento, di personaggi dagli occhi infossati e cerchiati. Appaiono, mescolati insieme, ricordi veristici e fantasiosi ed echi di tutto un mondo letterario che va da Rousseau, a Goya, a Viani. Pieraccini ne riecheggia certe posizioni per abbandonarle subito con l’affrontare problemi personali, pittorici e compositivi, esternando sempre l’intuizione sua estrosa e mordente…

MARIA LUISA BAVASTRO critico